Elio e Le Storie Tese: cresce l'attesa per il concerto del 23 aprile a Pergine Valsugana
News

ELIO2016Elio e Le Storie Tese: oltre quota 600 i biglietti venduti per il live del 23 aprile al Palazzetto del Ghiaccio di Pergine data zero del Piccoli Energumeni Tour. Oltre seicento i biglietti già staccati per il concerto di Elio e Le Storie Tese che il 23 aprile saranno al Palazzetto del ghiaccio di Pergine Valsugana per la data zero del tour «Piccoli Energumeni». La formazione milanese che è stata fra le star dell'ultimo Festival di Sanremo, con i brano "Vincere l'odio" proporrà in questa occasione anche le canzoni del nuovo cd "Figgatta de Blanc". Biglietti disponibili nei circuiti Ticketone e Primi alla Prima ad un costo di 40 € parterre posti a sedere numerati e 35 € tribuna numerata.

 

QUI DI SEGUITO TUTTI I DETTAGLI DEL TOUR

Il nuovo album , l'undicesimo della loro produzione, "FIGGATTA DE BLANC" è uscito lo scorso 12 febbraio dopo la loro terza partecipazione a Sanremo.

"Obbiettivo del Piccoli Energumeni Tour (PET) è dare spettacolo in grandi spazi come palasport, arene e festivàl all'aperto, per raggiungere più spettatori in un colpo solo. [...] Altri vantaggi del mondo palasport: se viene tanta gente, si simpatizza; se viene poca gente, stanno comodi."

Band di culto, vere e proprie icone, artisticamente ci hanno abituati ad ogni genere di novità. Presenza costante ma mai scontata nel panorama italiano, inarrivabili nella cura della loro proposta musicale, ogni loro nuova apparizione ha segnato momenti memorabili sia che si trattasse di un album, che di un concerto o di un'apparizione televisiva (impossibile non citare, tra le altre, le quattro esibizioni de "La canzone mononota" sul palco del Festival di Sanremo del 2013 con travestimenti e make-up estremi).

Una storia la loro che si scorre attraverso album di culto come "Elio Samaga Hukapan Kariyana Turu", "Italyan, Rum Casusu Çikti" e "Cicciput", fra provocazioni e polemiche assortite, singoli di successo come "Pipppero" e un memorabile secondo posto al Sanremo 1996 con "La terra dei cachi", tormentone dell'epoca. Li si è visti in tv, come resident band dei programmi "Parla con me" e "The Show Must Go Off" e "Il Musichione", il programma da loro ideato e condotto su Rai2. Nel 2013 sono tornati a Sanremo con "La Canzone Mononota", arrivando secondi, ma vincendo ben tre premi: critica, sala stampa radio/tv/web e miglior arrangiamento. Tra i loro pezzi più amati ci sono "Cara ti amo", "Servi della gleba", "Shpalman®", "Parco Sempione", "Born to be Abramo" e "Tapparella", l'inno collettivo con cui sono soliti chiudere i concerti.

Recentemente gli ELIO E LE STORIE TESE hanno pubblicato il singolo "Il Primo Giorno di Scuola" brano accompagnato dal video del fumettista Sio e ripubblicato i loro primi tre album di studio con dei dvd dai contenuti inediti.

COSI ELIO E LE STORIE TESE RACCONTANO IL LORO CD

Il nostro nuovo long-playing – siamo il complesso milanese Gli Elio e le Storie Tese (GEelST) – segna il culmine delle celebrazioni commemorative per Teriimaevarua II, regina di Bora-Bora dal 1860 al 1873. Nata Maevarua Pomare, Teriimaevarua fu promotrice delle belle arti polinesiane e mecenate di musicisti. GEelST hanno scelto di ricordarla pubblicando Figgatta De Blanc (FDB)proprio nel 143° anniversario della scomparsa, per affermare che una persona – anche morta stecchita – non se n'è andata veramente se sopravvive nel ricordo.

13 canzoni nuove di zecca più una usata: l'occasione per rompere con una tradizione di cofanetti e raccolte che è bellissima ma ogni tanto servono anche dischi nuovi da ripubblicare anni dopo in un cofanetto, perpetuando quello che il Re Leone e Spagna chiamano il Cerchio della Vita ("E ogni vita lo sa che rinascerà, in un fiore che ancora vivrà").

Composto e registrato tra giugno 2015 e gennaio 2016, FDB rappresenta per noi GEelST ciò che Venditti e Segreti ha rappresentato per Antonello Venditti : l'undicesimo album.

Amici illustri ci hanno onorati della loro presenza in queste tracce , per usare un linguaggio moderno . Mauro Pagani, al violino in Bomba Intelligente, composta da Francesco Di Giacomo (che la canta) con Paolo Sentinelli; Nick The Nightfly, co-interprete insieme a Paola Folli e Sergio Antibiotice di She Wants ; J-Ax in duetto con Elio ne Il Rock della Tangenziale; Vittorio Cosma e diversi altri, che per ricordarli non basterebbero due righe. Doveva suonare anche Stewart Copeland, poi non ha potuto ma avevamo già stampato i crediti e adesso se uno legge il libretto sembra che ci sia Stewart Copeland ma non c'è veramente. Possiamo dire che c'è in spirito in quanto aveva intenzione di esserci, ma è inutile nascondersi dietro un dito a meno di avercelo enorme: non c'è.

Per chi di un disco vuole sapere prima di tutto di che genere è, azzarderemmo un'etichetta fresca e irriverente: rock demenziale. Anche se poi, va detto, ogni canzone è parte di una sottocategoria caratterizzata da un differente approccio ritmico e strumentale. Per una descrizione più approfondita di tali dinamiche vi rimandiamo all'appendice di questo foglietto; ma per la rubrica Il curioso è servito, come nella Settimana Enigmistica, ecco un breve bugiardino musicale:

Vacanza Alternativa: funky termale. She Wants: genere in inglese imitato tipo Luther Vandross dei poveri. Parla Come Mangi: rock con influenze anni '90. Il Mistero Dei Bulli: specchio dei tempi, velocità media, fa innamorare. China Disco Bar: pop che strizza l'occhio alla classifica ambendo ad esserne ricambiato. Il Quinto Ripensamento: genere Beethoven con parole messe sopra. Bomba Intelligente: ballata. Inquisizione: funky-rock. Ritmo Sbilenco: progressive con echi regressive. Il Rock Della Tangenziale: rock tangenziale. Cameroon: africaneggiante. I Delfini Nuotano: canzone d'autore (Premio Tenco). Il Primo Giorno Di Scuola: rock con trombe. Vincere l'Odio: eterogeneo.

Info:

www.shininingproduction.com

www.facebook.com/fiaba.musica

smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon
 

Condividi l'articolo

Dite la vostra

Si sta per chiudere un 2016 davvero ricco di uscite discografiche per la scena musicale trentina. Vi chiediamo qui cosa pensate sulla qualità delle produzioni