SwitchRadio.it - New Sound Generation
Premio Claudio Groff. Tradurre letteratura, tradurre mondi. Per una traduzione letteraria dal tedesc
Eventi

unnamedPremio Claudio Groff. Tradurre letteratura, tradurre mondi. Per una traduzione letteraria dal tedesco.

Premio Claudio Groff

TRADURRE LETTERATURA, TRADURRE MONDI
Per una traduzione letteraria dal tedesco

L'Accademia Roveretana degli Agiati, dando seguito alla volontà di Fabrizio Groff che intende così ricordare il proprio fratello Claudio, istituisce il Premio Claudio Groff. Tradurre letteratura, tradurre mondi. Per una traduzione letteraria dal tedesco.

Il riconoscimento è destinato a traduttrici e traduttori nati dopo il 1 gennaio 1975 che con il loro lavoro abbiano arricchito il panorama letterario in italiano di un'opera significativa per una miglior comprensione dei mondi di lingua tedesca.

Termine consegna opere: 31 luglio 2020
Info e bando: www.agiati.org

Claudio Groff (1944-2019), socio dell'Accademia Roveretana degli Agiati, ordinario della classe di Lettere e arti dal 2001.
Traduttore e docente di traduzione letteraria, nell'arco di quarant'anni ha tradotto in italiano opere dei maggiori scrittori di lingua tedesca dalla classicità ai giorni nostri: Mozart, Schiller, Goethe, Rilke, Kafka, Trakl, Benjamin, Brecht, H. v. Hofmannsthal, Musil, Schnitzler, Hesse, Bernhard, Enzensberger, Ransmayr, Karl Kraus, Kehlmann solo per ricordarne alcuni. Anche tre premi Nobel hanno ricevuto da lui le parole per essere letti nel nostro paese: Günther Grass, Peter Handke, Elfriede Jelinek.
Nel 1990 gli è stato conferito il Premio di Stato austriaco per la traduzione letteraria, nel 2005 il Premio Mondello per la traduzione, nel 2009 il premio del Ministero della Cultura austriaco per la migliore traduzione di un autore austriaco (Ransmayr), nel 2018 il Premio per la Traduzione Gregor von Rezzori.

Il nostro indirizzo è:
Accademia Roveretana degli Agiati

Piazza Rosmini, 5

Rovereto, TN 38068Italy

 
Teatro Metastasio di Prato CIRCO KAFKA
Eventi

kafkaTeatro Metastasio di Prato
CIRCO KAFKA

Venerdì 11 dicembre 2020, doppia replica ore 18.00 e ore 21.00 / Teatro Portland, Via Papiria, Trento

Da Il processo di Franz Kafka
Con Roberto Abbiati e la partecipazione di Johannes Schlosser
Regia Claudio Morganti
Musiche di Claudio Morganti e Johannes Schlosser
Produzione Teatro Metastasio di Prato, TPE - Teatro Piemonte Europa in Collaborazione con Armunia residenze artistiche

Roberto Abbiati torna con un irresistibile e particolarissimo spettacolo dedicato a Kafka. Un pò si ride, un pò si riflette e un pò ci si meraviglia per un teatro che sa ancora sorprenderci.

Presentazione spettacolo

Lo spazio scenico è un surrogato di circo. È il dramma di K, o forse la commedia di K, che si sveglia e trova poliziotti vestiti di tutto punto nella sua camera. Alle persone che ogni giorno si alzano per andare a lavorare, cose del genere possono anche succedere e possono succedere anche ai ladri di polli ma ai delinquenti blasonati no, lì è più difficile perché loro comandano.
Dunque, una mattina K si sveglia e trova due poliziotti vicino al suo letto. "Beh spiegatemi il motivo della vostra invasione in camera mia!" "Niente. Proprio niente, non possiamo dirle niente".
Kafka immaginò questa situazione negli anni venti e oggi potremmo anche riderne pensandoci, ma se ci pensiamo un pò meglio oggi è come allora e oggi non c'è proprio niente da ridere. Puoi bussare alla porta del tuo giudice insistentemente, bussare all'aula di giustizia nascosta in una soffitta, ti può capitare che la giustizia ti riceva ma non ti informi di nulla. Nulla, e tu aspetti in silenzio. E tutto diventa un circo di marionette, di trapezisti e animali impagliati. E nel circo accoltellano K, che per l'occasione si è messo i guanti bianchi. Nel circo degli animali impagliati la giustizia si diverte.

 


Video della settimana

Condividi l'articolo